Elastotaping, il segreto degli elastici adesivi utilizzati dai calciatori della nazionale italiana


Per gli appassionati di sport potrebbe essere intuitivo capire la funzionalità di quelle strane strisce adesive che fuoriescono dalle magliette dei calciatori e degli sportivi in generale. Una fascia elastica ed adesiva applicata su muscoli, nervi ed ossa non può che donare un aiuto meccanico ai movimenti o alle guarigioni di quelle parti anatomiche del corpo umano. Se poi, noi uomini, esaltati in divina contemplazione durante un incontro della fase finale degli europei di calcio della nostra nazionale, riceviamo dalle nostre amiche o compagne, sempre più appassionate allo sport più amato al mondo, la richiesta di una spiegazione specifica sul motivo di utilizzo di una così “carina” banda adesiva su dei corpi talmente statuari, abbiamo l’obbligo di fornire una risposta precisa e dettagliata.

Giovedì sera, questa domanda sarà stata posta migliaia di volte grazie al secondo goal di Mario Balotelli alla nazionale tedesca, eppure il supermario d’Italia non è l’unico ad usare questi cerottoni in caso di bisogno. Li abbiamo già visti sbucare fuori, incollati, al collo di Gigi Buffon; sarà stato anche merito loro se il numero 1 azzurro con uno scatto da tigre ha parato il rigore decisivo per la vittoria contro l’Inghilterra? A noi piace pensare sia tutto merito del più grande portiere del momento ( e di certo lo è), e tuttavia specifichiamo lo stesso a cosa servono questi nastri adesivi. Precisiamo, innanzi tutto, che non rilasciano alcuna sostanza nel corpo; ricordano molto i cerotti nasali che aiutavano la respirazione e che ora vengono usati quasi esclusivamente da chi ha disturbi del sonno. La terapia che utilizza l’elastotaping (nastro adesivo elastico) proviene dal lontano Giappone (anni 70) ed ha avuto un suo primo sviluppo in Italia 10 anni fa. Noi li ricordiamo come una innovazione introdotta durante gli ultimi mondiali di calcio del 2010. Negli altri sport, però, venivano già impiegati, basti pensare alla Pellegrini nel nuoto, ma anche ai tennisti, ai campioni della pallavolo e dell’atletica. Il fatto che sia stata praticata per la prima volta da un chiropratico giapponese, Kenzo Kase, fa comprendere come questa sia una tecnica del tutto bio-meccanica secondo la quale il cerotto, che viene applicato sulla zona in cui si avverte il disturbo muscolare o ortopedico, provocando una determinata trazione sul corpo, permette di alleviare il dolore ed accelerare i processi di auto guarigione dei tessuti. Inoltre, il nastro aiuta i muscoli a non effettuare sforzi eccessivi o a contrarsi più del dovuto, con una funzione correttiva; agevola la circolazione sanguigna nella zona di applicazione, favorendo la guarigione di un trauma o di una infiammazione. Gli studi hanno evidenziato anche un miglioramento della circolazione linfatica, diminuendo così i gonfiori, ed una assistenza nell’allineamento delle articolazioni.

Anche il colore del nastro ha una sua importanza determinante. Da quanto si è letto, rifacendosi ai principi della cromoterapia, il colore rosso richiamerebbe il calore e quindi l’afflusso di sangue, le fasce muscolari delle nostre schiene ringraziano … L’azzurro, qui è proprio il caso di dire “forza azzurri”, rinfresca e da sollievo nelle zone infiammate o che evidenziano gonfiori. Il beige, colore mimetizzante, distoglie l’attenzione dalla zona interessata dal dolore spingendo, di conseguenza, il soggetto ad utilizzare quella parte del corpo. Anche il nero ha una sua funzione: aumenta il trofismo, o nutrizione, muscolare.

Potrebbe, dunque, nascere una nuova moda del colore, ma, giustamente, gli elastotaping non sono acquistabili, benché meno applicabili da soli o da mani inesperte. Il loro utilizzo spetta solamente agli specialisti del settore medico che, con le loro conoscenze anatomiche, sanno districarsi in quel perfetto groviglio di muscoli, ossa, nervi e vasi sanguigni che scolpiscono il corpo umano.

Paolo Licciardello

Annunci

Un pensiero su “Elastotaping, il segreto degli elastici adesivi utilizzati dai calciatori della nazionale italiana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...