Aprrovato il decreto sul rinvio della TASI


Approvato dal Cdm, nelle more dell’approvazione del cd. decreto Irpef, il decreto legge sulla Tasi: è certo, dunque, lo slittamento al 16 ottobre del pagamento della prima rata, per i Comuni che non hanno ancora determinato le aliquote.

TasiIl provvedimento definisce, per l’appunto, le nuove date per il pagamento della prima rata per i comuni che non hanno fissato le aliquote in tempo utile per la scadenza del 16 giugno. Il decreto, il quale conferma l’emendamento già approvato in senato nel corso della discussione sul decreto Irpef, costituisce una sorta di norma ponte che consente allo slittamento di entrare subito in vigore, poiché  il decreto Irpef deve ancora completare il suo percorso di approvazione alla Camera.

“Il testo approvato stabilisce che a decorrere dall’anno 2015 i Comuni assicurino la massima semplificazione degli adempimenti per i contribuenti, rendendo disponibili i modelli di pagamento  preventivamente compilati”, si legge così in una nota di Palazzo Chigi.

In pratica, per i Comuni che hanno già assunto la deliberazione Tasi entro il 23 maggio 2014, stabilendo per l’appunto le aliquote e le detrazioni, viene confermato l’obbligo del pagamento entro il 16 giugno 2014 . Al contrario, per i Comuni che non hanno assunto le deliberazioni TASI entro il 23 maggio, il nuovo testo dispone che il versamento della prima rata della Tasi venga posticipata al 16 ottobre 2014, con obbligo degli stessi Comuni di deliberare entro il 10 settembre le aliquote e le detrazioni.

Nel caso in cui alla data del 10 settembre detti Comuni non abbiano ancora deliberato le aliquote e le detrazioni Tasi, l’imposta sarà dovuta applicando l’aliquota di base pari all’1 per mille e sarà versata in un’unica soluzione entro il 16 dicembre 2014. Inoltre, sempre in caso di mancata determinazione entro il termine fissato per Settembre, la Tasi dovuta dall’occupante sarà nella misura del 10 per cento dell’ammontare complessivo del tributo, determinato con riferimento alle condizioni del titolare del diritto reale.

Angela Scalisi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: