A due passi dalla Germania con Roberta …e Ugo


Nel mezzo del cammin di nostra vita ci ritrovvammo nel ben mezzo della discussione “Sblocca Italia” ma la diritta via era ormai smarrita e nell’attesa di ritrovarla sempre più giovani provano a cercar fortuna al di là delle Alpi

Una valigia, tanto coraggio e la voglia di riuscire a realizzarsi e cogliere quelle famose opportunità che la nostra Italia non riesce più ad offrire. 

Statisticamente nel corso dell’ultimo quinquennio si è assistiti, in maniera impassibile, al boom dell’emigrazione italiana in Europa e non solo.

Nel corso degli Anni Acicastello Informa ha avuto il piacere di intervistare e raccogliere le testimonianze di connazionali che hanno scelto coraggiosamente di varcare i confini cercando quell’equilibrio che una semplice granita non può offrire.

Sono sempre più i siciliani che si rimettono in gioco fuori dalla nostra isola, fuori dalla nostra nazione.

Oggi abbiamo avuto il piacere di intervistare Roberta, castellese, volto e tastiera del Blog “Se anche il ragionier Ugo espatria…” , vive in Germania da un anno con la sua famiglia e ci racconta come è cambiata la sua vita.

Carismatica e cordiale ci lascia sperare che tutto può cambiare se semplicemente lo si vuole.

 «Ho sempre avuto la passione per le “cause perse”…credo che nulla sia impossibile, basta uscire dai soliti binari mentali.»

Roby3

1) Pioniera della terra teutonica cosa ti ha portato a decidere di abbandonare la terra natia, la nostra solare Aci Castello?

Ciao Alessia, innanzitutto grazie per quest’intervista! In realtà avevo “abbandonato” la nostra solare Aci Castello parecchio tempo prima. Mi sono trasferita a Milano quand’ero appena ventenne, ho vissuto lì per dieci anni e altri tre li ho trascorsi in Toscana. I motivi che inizialmente mi hanno spinta ad andare via potrebbero essere ancora validi oggi. Nonostante sia un posto meraviglioso e la gente sia solare e calorosa ho sempre avuto la sensazione che non si riuscisse a guardare un palmo oltre il proprio naso.

2)Le principali differenze che hai riscontrato e tutt’oggi riscontri fra la Sicilia e la Germania?

Questa è una domanda “scomoda” perché in molti potrebbero offendersi. Però non mi asterrò dal rispondere e ti dico che le differenze sono tantissime, anzi, è tutto diverso! Se dovessi citarne un paio direi sicuramente il grandissimo senso civico che hanno i tedeschi, il loro immenso rispetto per le cose che appartengono alla cittadina (quindi le loro strade, i loro spazi verdi, le aree riservate ai bambini…etc) e la loro precisione nel rispettare le regole.

3) Vuoi raccontarci un aneddoto?

Potrei raccontare episodi per giornate intere, uno per tutti le strisce pedonali. Una volta credevo di dover rimanere tutto il giorno in attesa perché, finchè l’ultimo pedone non è arrivato dall’altro lato della strada (sull’altro marciapiede) ed ammesso che non ce ne sia già pronto un altro dalla parte opposta, tu…non puoi passare! Ovviamente non devo raccontarvi le scene che ho visto in Sicilia in fase di attraversamento pedonale…lo sapete già!

4) Da dove nasce l’esigenze di vergare le parole attraverso il blog “Se anche il ragionier Ugo espatria…”?

Il mio blog è nato per il forte bisogno che sentivo dentro di dover condividere con tutti la mia esperienza. Certe notizie in Italia non arrivano e la Germania potrebbe sembrare il Paradiso a cui tutti vogliono ambire…ma non è così!  Inizialmente a raccontarmi ero solo io, adesso le storie mi arrivano da ogni parte del mondo. Trovo sia utile, per chi ha intenzione di espatriare, leggere le esperienze dirette di altre persone, ascoltare diverse campane, capire le difficoltà del luogo, capire che tipo di referenze si devono avere per riuscire ad inserirsi decentemente in un determinato contesto.

5) Il titolo è assai ironico, ma cela numerosi spunti di riflessione, quale bisogna attenzionare principalmente?

Esatto. Il titolo richiama ovviamente il famoso ragionier Ugo, che ha rappresentato e rappresenta ancora l’Italiano medio, come me ( e specifico sempre che “medio” non è un offesa),…che sa fare tutto ma niente in particolare, che si destreggia tra episodi tragicomici uscendone illeso per miracolo. Dobbiamo riflettere su un punto che, a mio parere, è il principale. Se si pensa di andare a vivere in Germania (o in altri Stati) partendo con la valigia di cartone come si faceva una volta, con i sogni in tasca e tanta voglia di lavorare…beh…è sicuramente il modo migliore di partire con il piede sbagliato. L’estero ha da offrire poco o niente a chi parte senza referenze, specializzazioni e senza saper parlare bene la lingua del posto. A maggior ragione è essenziale conoscere in anticipo cosa sia quel poco…per poterselo eventualmente accaparrare.

6) La conoscenza del tedesco prima di trasferirsi in Germania è fondamentale. Cosa consigli in proposito?

Questa domanda si ricollega perfettamente alla precedente risposta. Saper comunicare in tedesco è vitale. Se non avete una base decente non partite! Se pensate che la Germania sia il vostro futuro dovete allora investire in questo futuro, facendo dei corsi seri in Italia, visitando la Germania diverse volte prima di lanciarvi. Partire solo perché tutti dicono che c’è tanto lavoro e tutto costa meno è un suicidio. Poi, come sappiamo, i luoghi comuni viaggiano ad una velocità incredibile rispetto alle notizie reali (che magari sono meno allettanti).

7) Quali sono le scuole che reputi migliori per poter padroneggiare la lingua?

Di scuole qui in Germania ce ne sono tante e tutte bene o male valide. Diciamo la meno costosa e la più frequentata è la VHS. In Italia non saprei…io ho frequentato dei corsi privati in Toscana…online però si trovano diverse indicazioni. Il problema vero è che vivendo in Italia non si ha modo di mettere in pratica quello che si studia, e non è semplice.

8) Il tuo blog è una guida alla conoscenza del modus vivendi tedesco, ci sono dei punti di contatto fra le due Nazioni?

Direi…NO!!! Per quello che ho potuto vedere fin’ora siamo su due universi paralleli!

9) Vorresti parlarci  di eventuali proposte che potrebbero essere attuate in Italia ai fini di un miglioramento del nostro sistema? Cosa potremmo importare e cosa potremmo esportare?

Ti dico una cosa. Prima di trasferirmi in Germania pensavo che i tedeschi fossero per natura precisi ed ordinati. Invece ho scoperto che rispettano tutte le regole perché hanno terribilmente paura delle sanzioni. Perché qui le regole devono essere rispettate altrimenti sono guai seri. Quindi basterebbe anche da noi punire chi sbaglia, sicuramente le persone inizierebbero a rimettersi in riga. Logicamente le istituzioni devono, per prime, dare il buon esempio! Per quanto riguarda la seconda parte della domanda…beh…sarebbe sufficiente importare meno iniziando a consumare i nostri di prodotti…unici ed insostituibili!

10)  Dietro l’autrice del blog “Se anche il ragionier Ugo espatria…” c’è anche una donna e una madre. Come è cambiata la tua vita da quando vivi in Germania?

La mia vita per ora è sospesa tra il vecchio ed il nuovo. So cos’ero, ho dubbi su cosa sono e non ho la minima idea di cosa sarò. Un espatrio smonta in mille pezzi tutte le tue vecchie convinzioni e la strada per rimettere insieme i pezzi è lunga ed in salita. Quindi, per avere una risposta a questa domanda, dovremmo aspettare un po’!

11) In maniera assai semplicistica ti pongo questa domanda: pensi di tornare un giorno?

Sinceramente non so…tornare a vivere nella mia terra sarebbe meraviglioso, ho lì la mia famiglia, i miei amici, sono i luoghi che mi hanno vista crescere ma dovrebbero cambiare molte cose, ci sono aspetti della mentalità siciliana che non sopporto e sono troppo radicati per sperare che, in un breve lasso di tempo, qualcosa possa davvero cambiare.

A cura di Alessia Aleo 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Contatti

Se anche il Ragionier Ugo espatria _ http://www.asaperloprima.altervista.org

Per seguirla su Facebook, clicca qui 

seancheragugoespatria@web.de

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...