Bud Spencer in volo verso il cielo


 Ad 86 anni ci ha abbandonati il “gigante buono” del cinema italiano, Carlo Pedersoli, meglio conosciuto come Bud Spencer.


Il figlio Giuseppe ha annunciato la morte del padre il 27 giugno, sopraggiunta a causa di complicazioni dopo una brutta caduta. L’ultima parola che Bud ha voluto dedicare alla sua famiglia è stata “grazie”.

 

Ha fatto ridere intere generazioni, con la sua seria comicità che incarnava il senso di giustizia, perché lui, accompagnato dal fedele collega ed amico Terence Hill, combatteva sempre e solo contro i cattivi di turno.

Una persona buona dentro i film e nella vita reale, come hanno tenuto a sottolineare gli amici, e chi ha avuto l’onore di lavorare insieme a lui, al funerale tenutosi alla Chiesa degli Artisti in Piazza del Popolo a Roma.

Famoso per la sua carriera cinematografica, è stato tra i protagonisti, insieme a Terence Hill, di uno dei momenti più felici del cinema italiano.

Il suo nome d’arte deriva dall’omaggio all’attore Spencer Tracy e alla birra Bud. Una scelta, quella di creare dei nomi d’arte, fatta insieme a Mario Girotti (Terence Hill, scelto da una lista di nomi inventati) per attrarre il pubblico dopo il film western “Dio perdona io no”.

 

Nato a Napoli nel 1929, si trasferisce a Roma all’età di 11 anni dove durante il liceo si iscrive a nuoto per il quale scoprirà una grande passione e abilità. Eccellente nello studio, a soli 17 anni non appena termina il liceo si iscrive alla facoltà di Chimica che sarà costretto ad abbandonare per andare in Brasile, dove l’intera famiglia si trasferirà.

Tornato in Italia alla fine degli anni ’40 inizia la sua carriera da nuotatore diventando parte della storia italiana per essere stato il primo italiano negli anni ‘50 ad ottenere un tempo inferiore al minuto.

Una grande carriera sportiva ha riempito la sua vita, facendo di lui oltre che un famoso nuotatore anche un importante pallanuotista che nel ’55 ha vinto con la nazionale la medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo a Barcellona.

La sua mole viene notata in ambito cinematografico e fa il suo esordio con la grande produzione hollywoodiana per “Quo vadis?”. Da quel momento recita piccole parti in modo occasionale fino a che non incontra il giovane attore Mario Girotti – Terence Hill con il quale girerà ben 18 film.

Tra i suoi film più famosi ricordiamo: Un eroe dei nostri tempi, Dio perdona io no, Lo chiamavano Trinità, Più forte ragazzi, Altrimenti ci arrabbiamo, Porgi l’altra guancia, I due superpiedi quasi piatti, Pari e dispari, Io sto con gli ippopotami, Anche gli angeli mangiano fagioli, Chi trova un amico trova un tesoro, Banana Joe, Piedone lo sbirro, Lo chiamavano Bulldozer, Uno sceriffo extraterrestre… poco extra e molto terrestre, Bomber, Nati con la camicia, Un piede in paradiso, Botte di Natale, ecc.

Tra gli ultimi lavori ci sono le serie televisive tra le quali: Big Man (1988), Detective Extralarge (1991-1993), Noi siamo angeli (1997), I delitti del cuoco (2010) ecc.

Tra le sue grandi passioni anche il canto ed il volo, passione quest’ultima che ha portato più di una volta all’interno dei suoi film che lo hanno visto come pilota.

 

Tutti lo ricorderemo come il grande uomo che si presentava nei film a suon di schiaffoni e pugni divertenti e mai violenti.

 

Laura Ciancio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...