Italiani Vs Extracomunitari? Si parla di razzismo e violenza



 

“Aggredito con un bastone e derubato da un gruppo di extracomunitari”, Catania Today dà la notizia in questo modo. Infatti il 28 sera, nei pressi della stazione centrale di Catania, i poliziotti hanno fermato un’aggressione in atto. La vittima era stata aggredita, malmenata con un bastone e derubata da quattro extracomunitari. Tra i quattro c’era Eltire Mohiyad Abdillah, un cittadino somalo del 1990 rifugiato politico, che è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza in attesa della convalida dell’arresto. Un altro complice minorenne invece è stato affidato ad una casa famiglia.

Sempre più spesso si sente parlare di extracomunitari violenti, televisione e giornali non fanno altro che dare notizie raccapriccianti su fatti spiacevoli avvenuti a causa dei nostri ospiti, sempre meno graditi dagli italiani. I proprietari di casa, gli italiani, si sentono spodestati, se ne discute tanto negli ultimi tempi, troppi furti, troppe violenze che non fanno altro che incrementare un sentimento di razzismo. Una parola brutta che sta prendendo sempre più piede nella nostra realtà, un sentimento di disprezzo e di paura verso queste persone. Non saremmo dovuti arrivare a questo punto, ma le scelte dei nostri politici e dei Paesi europei ci hanno condotto a questo. Bisogna trovare delle soluzioni, chi può farlo però deve stare attento a non perdere troppo tempo a parlarne, piuttosto bisogna agire in fretta perché di questo passo rischiamo di arrivare ad una guerra tra razze. Si rischia che gli italiani esausti rispondano in modo violento a questi soprusi.

Le statistiche del governo mostrano che solamente il 4% degli extracomunitari che arrivano nel nostro territorio scappano dalla guerra, altri scappano dalla povertà e gli altri?

C’è chi si sta battendo per farli tornare a casa loro, perché l’Africa in Italia non ci sta! E chi invece è disposto ad accogliere tutti. Purtroppo si è creato un meccanismo di salvataggio che più che salvare crea disagio, per non parlare dei morti che abbiamo nel mediterraneo.

La soluzione potrebbe essere più semplice di quanto si possa pensare, se non ci si mettessero tutti gli interessi di mezzo ovviamente. Potrebbe forse bastare non permettere a questi barconi di partire, anziché andare a prenderli non appena escono dalla loro casa? Aiutarli nel loro Paese? Ci costerebbe meno e potremmo aiutare popolazioni intere. Le soluzioni non mancano, la volontà forse si.

 

Laura Ciancio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...