Legge di stabilità: nuovi aiuti in cantiere per le famiglie e agli investimenti pubblici



Nuova possibile manovra ad hoc per le famiglie. Anche se solo in germe, si parla della possibilità di inserire ,nella prossima legge di bilancio, un intervento ad hoc a sostegno dei nuclei familiari che abbiano almeno due figli. La misura sarebbe legata ovviamente legata al dato Isee e dovrebbe assumere la forma di un assegno da destinare alle famiglie in difficoltà economiche che abbiano almeno due figli.

Secondo indiscrezioni, per il primo anno dovrebbero, essere stanziati almeno 400 milioni. La manovra, che secondo il sottosegretario al Tesoro, Paola De Micheli, permetterà di sbloccare anche 800 milioni di investimenti degli enti locali, potrebbe arrivare sul tavolo del consiglio dei ministri già entro la prossima settimana. “Grazie alle misure previste dalla manovra arriveremo alla crescita dell’1%, percentuale oggetto di discussioni ma che, non dimentichiamolo, si avvicina alle indicazioni del Fondo Monetario – ha confermato De Micheli – La crescita dell’1% è raggiungibile perché metteremo in programma misure significative sia per la riduzione delle imposte sia per favorire gli investimenti pubblici e quindi ridare fiato anche ai consumi, favorendone la ripresa e volendo così mettere un freno all’impoverimento progressivo di alcune fasce della popolazione. Penso all’applicazione dell’accordo firmato con i sindacati al ministero del Lavoro sulle pensioni. La parte dell’accordo relativa a quelle minime si può realizzare subito, altre parti prevedono un’applicazione più progressiva”.

L’obiettivo della manovra è condiviso anche dal ministero dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che in un’intervista alla Cnn a Washington, ha rassicurato che l’Italia è “nel mezzo del treno” della crescita europea, ma “in un paio d’anni saremo in testa”.

L’obiettivo della manovra è chiaro, aiutare le famiglie nell’ottica di un rilancio dell’economia. Non resta che attendere notizie più concrete, sperando che l’augurio del Ministro dell’Economia riesca a trovare un raccordo con il “quoziente familiare” di cui anche Renzi inizia a parlare.

Angela Scalisi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...