Salma di profugo raccolta nel canale di Sicilia sepolta nel cimitero di San Gregorio.


Salma di profugo raccolta nel canale di Sicilia sepolta nel cimitero di San Gregorio.
Corsaro: « abbiamo ricavato un loculo per dare pace e riposo a colui o colei che era fuggito dalla propria terra in cerca di una vita migliore»
6076_361301998ed3eccdc0c102014090300161050104b33afed7e33158926ac

Non ha un nome né sesso la salma che nella mattinata di oggi (26 settembre) è stata tumulata nel cimitero di San Gregorio. Si tratta di un profugo o una profuga, uno dei tanti annegati nel tentativo di raggiungere la Sicilia e quindi l’Italia in quello che è considerato un esodo epocale straordinario.
Il corpo è stato raccolto nel Canale di Sicilia a seguito del naufragio del 15 luglio, l’atto di morte (n. 14 P.2 S.C.) è datato 19 luglio.
A inviarlo al Comune di San Gregorio è stato il Comune siracusano di Melilli.
Dal pontile della Nato di Melilli, infatti, la salma che portava solo un numero distintivo: PM 337 è arrivata nella mattinata di oggi, dopo il nulla osta al seppellimento trasmesso dalla Questura di Catania.
Alla presenza del sindaco, Carmelo Corsaro, e del parroco don Ezio Coco di San Gregorio e uno sparuto numero di cittadini, la salma è stata sistemata in una nicchia accompagnata da una preghiera e una benedizione: «Abbiamo recitato una preghiera laica – ha spiegato don Ezio Cocco – nella quale non abbiamo invocato né Gesù, né Allah, né Krishna, né Maometto perché Dio è uno; abbiamo invocato – ha concluso – l’unico Signore affinché benedicesse quell’uomo o quella donna di cui non conosciamo il nome ma di certo noto a Dio; abbiamo interceduto nel cuore di Dio perché lui potesse accoglierlo nel suo regno».
«Il Comune di San Gregorio – ha commentato il sindaco Corsaro – grazie anche alla presenza dei salesiani sul territorio, partecipa con la propria solidarietà nei confronti di quella che è diventata una cruda realtà e non più una emergenza. L’istituto salesiano ha già accolto venticinque profughi minorenni ed ora, nonostante la scarsità di posti, abbiamo ricavato un loculo per dare pace e riposo a colui o colei che era fuggito dalla propria terra in cerca di una vita migliore».

San Gregorio di Catania 26 settembre 2016 Ufficio Stampa Comune San Gregorio di Catania

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...