Dove nasce l’immaginazione?


Platone ci ha insegnato a pensare servendoci di idee e concetti e non di cose sensibili.A partire dall’astrazione concettuale inaugurata da Platone sono nate la scienza e la tecnica. Queste si sono sviluppate in Occidente il giorno in cui Cartesio ha stabilito che noi non conosciamo il corpo cominciando dai nostri sensi, ma a partire dalle idee chiare e distinte che ci hanno fornito del corpo quella determinata descrizione.

È nato così il corpo concepito ancora oggi dallo sguardo medico, ben diverso dal corpo che conosciamo noi nel mondo della vita.

Quindi è la filosofia ad averci allontanati dai corpi, dalle sensazioni e dalle cose volte nella loro singolarità e concretezza? Forse sí. James Hillman chiama il pensare per immagini “fare anima”. 

Interessante, a tal proposito, la lettura di Carlo Sini “I segni dell’anima” che ci ricorda come i filosofi sono abituati a pensare in assenza ed è proprio l’assenza dell’oggetto a diventare tratto peculiare dell’immagine…

L’immagine cosí lavora in assenza di realtà e la presenta in assenza.

Quindi è proprio l’assenza ad essere il luogo dell’immagine, come il silenzio è il luogo della parola. Se le cose non fossero assenti non potremmo evocarle in immagine.

È la filosofia dunque l’unico strumento che ci consente di pensare davvero per immagini.
Giusi Lo Bianco

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...