VUOI INVESTIRE SENZA TASSE? CHIEDI I PIR!  


 

Introdotti dalla legge di stabilità finanziaria i piani individuali di risparmio, rappresentano una novità parziale, in quanto già sperimentati , con successo, in altri paesi. Gli investimenti su questi strumenti potrebbero garantire sia benefici fiscali, sia di rendimento per i risparmiatori. Per le piccole e medie  imprese, su cui puntano i PIR, d’altro canto rappresentano  un’alternativa all’indebitamento, soprattutto considerata la difficoltà di accesso al credito bancario. Ma vediamoci più chiaro. Si tratta, anzitutto, di strumenti  destinati a persone fisiche, lasciando fuori imprese e persone giuridiche. Possiamo definirli come un “contenitore fiscale” in cui è possibile, rispettando alcuni vincoli, collocarci dentro qualsiasi strumento finanziario (obbligazioni, azioni, liquidità, depositi in c/c). Per il 70% l’investimento è vincolato sul Sistema Italia, il restante 30% è libero. La caratteristica più importante è che il 21% del portafoglio complessivo punta su azioni e obbligazioni di imprese del nostro Paese o dell’UE, con sede legale in Italia.

Naturalmente l’agevolazione fiscale  a cui si accede, prevede  un vincolo di detenzione dei PIR per 5 anni con l’obiettivo di garantire alle imprese destinatarie introiti nel breve periodo. I limiti delle somme collocabili nei piani, fissati nel minimo a € 500 e nel massimo a € 30mila euro l’anno, per un totale di €150.000 nel quinquennio, rendono questo strumento ad ampio bacino di utenza.

L’argomento ritenuto convincente dal Governo è quello dell’ esenzione fiscale per i rendimenti, i cosiddetti capital gain, nonché l’esenzione dalla imposta di successione e dalla imposta sulla  donazione tra viventi . Per rimanere in tema di esenzioni anche questo provvedimento non è stato esente da critiche.  L’investitore è esente dal pagamento del 26% di imposta che ovviamente va calcolato non sul capitale investito ma sui rendimenti.  Se ipotizziamo un rendimento del 5%,  l’imposta corrisponde all’1,3%. Considerato che i piani hanno comunque dei costi di gestione, la convenienza effettiva si potrebbe ridursi anche allo 0,5%. Vietato fare il “fai da te”! I PIR  pur denotando una natura popolare e democratica, nascondono dei rischi impliciti , tipici degli strumenti  finanziari che potrebbero rivelarsi dannosi a chi è poco avvezzo ai meccanismi finanziari e sceglie un investimento unicamente in funzione dell’esenzione fiscale. Unico suggerimento è quello di affidarsi al consulente finanziario!

Valeria Barbagallo

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...