Il Libro del Cinquecento, il racconto tra leggenda e realtà ambientato in Sicilia



 
La Sicilia con i suoi scrittori non smette di stupire. “Il Libro del Cinquecento” del messinese Tindaro Alessandro Guadagnini è un racconto tratto da una storia vera, da un libro realmente esistente e molto antico.
 
Un racconto in cui regna sovrano il mistero in un miscuglio intrecciato di magia nera, realtà ed incredulità. Il libro di Guadagnini nasce dalla casualità di un incontro in un paesino della Sicilia e dalla curiosità che suscitò la leggenda di questo Libro del Cinquecento nello scrittore, che da quel momento ha cercato di reperire quante più informazioni possibili su tutto ciò che riguardava quell’antico libro.
Un libro controverso, come lo definisce l’autore, circa le sue origini non si può stabilire quanto ci sia di storico, reale o leggendario, quello che è certo è che questo libro abbia origini millenarie. Si presume che venne scritto dall’antico Re Salomone, il Profeta nominato nella Bibbia, anche se alcuni studiosi ipotizzano che derivi dal medioevo. Il libro di magia nera originariamente scritto in ebraico è stato tradotto in molte lingue ed è conosciuto in tutto il mondo come “La Clavicola di Re Salomone”.
Il Libro del Cinquecento è la versione tradotta in italiano nel ‘500 che si diffuse in tutta l’Italia meridionale ed in particolar modo in Sicilia. In nord Italia è conosciuto invece come “Il Libro del Comando”. Sulle effettive origini ci sono grossi punti interrogativi, come testimonia Guadagnini che prima di scrivere il racconto ha condotto numerose ricerche.
La storia narrata non è del tutto frutto della fantasia, lo scrittore ha preso i punti più salienti delle leggende che si narrano ancora oggi in alcuni paesi della Sicilia, le ha romanzate, ampliate ed arricchite con fantasia per creare questo racconto. Su quanto ci sia di reale nel suo racconto l’autore lo descrive con queste parole:
“Si può dire che per chi ci crede sia ispirato ad una storia vera, quanto ci sia di vero non si sa, fatto sta che questa leggenda tutt’oggi viene narrata in Sicilia come fosse un evento realmente accaduto”.
 
La sicilianità si trova dappertutto, nel dialetto parlato dai personaggi come nei luoghi riconoscibili descritti dall’autore. Questo racconto rappresenta una vera scoperta per tutti coloro che non hanno idea dei segreti e dei misteri che nasconde una terra ricca di storia come la Sicilia.
Una lettura affascinante, ricca di suspense che travolge e porta all’interno del racconto accanto al suo protagonista Carmelo ed alle vicende infernali che vive da quando per caso si ritrova tra le mani un’antica copia del Libro del Cinquecento.
 
https://www.facebook.com/Il.Libro.del.Cinquecento/
 
Laura Ciancio
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...