PALCOSCENICO-MUSICAL… ALEX CARAMMA


Rubrica a cura di Valeria Barbagallo

Alex Caramma è un giovane attore di talento, classe 1991, diplomato all’ Aidm- Accademia Internazionale del Musical di Catania, una nuova realtà tutta catanese, che continua a sfornare giovani talenti altamente qualificati.

In Accademia, Alex ci racconta, ha affinato la recitazione, la danza, il canto, elementi necessari per la formazione artistica di un bravo performer. Tanto studio, voglia di crescere e passione smisurata per il palcoscenico, mi permettono, ci dice Alex, esperienza dopo esperienza, di affrontare al meglio la realtà sempre più competitiva del mondo del lavoro in questo settore.

Il palcoscenico richiede un uso espressivo nelle movenze del corpo, e per gestire nel migliore dei modi un contesto scenico, tanto più nel musical, che Alex Caramma afferma di amare smisuratamente, ti viene richiesta una preparazione tecnica completa sia vocale che fisica, e se non hai delle basi forti sei fuori e bruci i tuoi sogni.

Parlando con questo giovane artista catanese che di grinta ne ha da vendere, scopriamo parola dopo parola che ha un’innata sensibilità artistica, ed il teatro così come il musical sono diventati per lui ragione di vita, e questa grande motivazione gli permette di non si lasciarsi intimorire da niente e nessuno, tanto che, esperienza dopo esperienza diventa sempre più tenace e determinato; una personalità vulcanica come la sua Etna, lui figlio della lava, siamo sicuri che ci riserverà tanto buon teatro.

Alex nel teatro di prosa è capace di indossare ruoli sempre diversi con grande passione e convinzione, mostrando carattere e una grande dote interpretativa.

Ad Aprile è stato in scena con I Promessi Sposi- Amore e Provvidenza, una Commedia Musicale, che l’ha visto tra i protagonisti calcare la scena del  Teatro Ambasciatori. Chiediamo ad Alex, chi tra i registi che hai conosciuto reputi sia stato significativo per la tua giovane carriera? Ci risponde senza esitazione: Gisella Calì, e subito iniziano a brillargli gli occhi da far trasparire quell’immensa gratitudine che si ha verso quelle persone che concorrono a farti crescere e a scoprire lati di te che nessuno ha mai toccato.

Alex quest’estate ti abbiamo visto nei panni di Farinata degli Uberti recitare nell’Inferno di Dante al teatro antico di Segesta, quest’esperienza come ti ha segnato?

A Segesta, con il suo teatro, le sue pietre, tutto intriso di storia che mi rapisce ad intermittenza il cuore, in questi posti trovo linfa vitale, quell’energia di cui ho bisogno, che mi spinge, di volta in volta, ad inseguire i sogni e gli obiettivi della mia vita e fare sempre di più.

Il pubblico con i suoi silenzi, gli applausi,  il sipario che si chiude, gli apprezzamenti di un pubblico che non conosco, non familiare, mi riempiono di pura energia.

Alex un tuo sogno nel cassetto? Il fantasma dell’opera che è probabilmente il romanzo più popolare di Gaston Leroux.

Matina Calogero Kalos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: