La Carta della Bambina: la tutela sin dalla nascita


Si è tenuto lo scorso giovedì 22 novembre presso la Biblioteca comunale di S. A. Li Battiati la conferenza “La Carta della Bambina: Diritti e Strumenti di tutela”.

L’evento è stato organizzato dalla FIDAPA, Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

A moderare l’incontro con i relatori è stata la presidente FIDAPA Silvana Massa. La conferenza è iniziata con i saluti del Sindaco di Battiati Marco Rubino e la lettura, da parte della vicepreside della sezione FIDAPA di Sant’Agata Li Battiati Luana Chiarenza, di alcuni degli articoli della Carta dei diritti della Bambina. Un documento che rappresenta un esempio unico in questo settore, redatto nel 1995 dalla BPW Europa dopo la Conferenza mondiale tenutasi a Pechino in cui si denunciava la condizione drammatica delle donne vittime di violenza.

Tutelare i diritti delle donne sin dalla nascita è un dovere che deve assumersi ogni Paese. Una donna ogni due giorni in Italia è vittima di un fidanzato o marito violento.

L’intervento dell’Avvocato Maria Concetta Tringali è stato di grande rilevanza in quanto la sua esperienza diretta con le donne vittime di violenza ha dato concretezza all’incontro facendo capire la gravità della situazione in Sicilia. L’Avvocato Tringali è volontaria presso il centro Antiviolenza Galatea che aiuta tutte le donne vittime di violenza, sia fisica che psicologica, guidandole dalla denuncia degli abusi fino all’allontanamento del compagno dall’abitazione comune. A portare il supporto delle forze dell’ordine nella battaglia contro la violenza il Comandante dei Carabinieri di Gravina il Cap. Martino della Corte.

Ad intervenire come relatrice anche la psicologa Dott.ssa Concetta Pollicino che aiuta ogni giorno persone vittime di violenza, compresi i bambini, nel superamento di traumi profondi. La dott.ssa Pollicino ha riportato dei casi concreti di bambini che hanno vissuto in un clima familiare di violenza. Quando una madre viene trattata con violenza la vittima non è solamente lei ma anche i suoi bambini seppur spettatori.

La Dott.ssa Pollicino e l’Avv. Tringali hanno sottolineato come sia importante riconoscere subito in un uomo, o in una donna talvolta, i primi segnali di violenza. I casi di “pazzia” raccontati dai giornali non esistono e facendo attenzione si possono evitare alcune tragedie.

Laura Ciancio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: