ALLARGATE LE VOSTRE FAMIGLIE! MA ATTENZIONE A CHI VI METTETE DENTRO CASA


Sono troppi i casi di maltrattamenti ai minori all’interno delle mura domestiche. Agghiaccianti i casi in cui sono gli stessi genitori a perpetrare abusi sui propri figli, ma purtroppo saltano fuori quando ci sono segni evidenti o addirittura la morte. In questi casi l’altro genitore è complice-vittima, perché non riesce a uscire fuori dal sistema e non riesce a denunciare per paura.

Ci sono casi poi in cui i carnefici sono i compagni/ e delle madri e padri. Ultimamente sui giornali e sul web si leggono pestaggi e omicidi di bambini, che solo perché indifesi e costretti a subire le scelte altrui si trovano  a vivere e a condividere l’ambiente familiare con soggetti estranei.

La cosiddetta famiglia “allargata” non sempre è quella che si vede nei telefilm. Ci sono delle dinamiche profonde  che in realtà vengono fuori col tempo.

Purtroppo la premura di voler vivere una nuova storia affettiva e la considerazione delle difficoltà per una mamma, a cui quasi sempre vengono affidati i bambini, di avere tempo libero per sé , fanno si che spesso queste madri ragionino in termini di praticità, sulla scorta di una gentilezza e amorevolezza iniziale da parte del partner nei confronti dei suoi figli.

Ecco che le famiglie si allargano, e si allargano anche i problemi, le gelosie dell’altro genitore ,i conflitti, le intolleranze dei figli, le discussioni tra la coppia, i sedimenti delle incomprensioni , le esigenze diverse, la responsabilità e tutta una serie di dinamiche che nei  casi peggiori posso sfociare in violenza domestica, violenza assistita, violenza di genere, e quella più terribile sui bambini.

È chiaro che ci sono altresì casi, in cui le famiglie allargate non presentano dinamiche così contorte.

Occorre una educazione alla riorganizzazione familiare. Occorre un percorso in cui i genitori, comprendano perfettamente le loro responsabilità nei confronti dei figli, anche e soprattutto dopo la separazione o divorzio. Occorre una maggiore consapevolezza delle conseguenze per i  figli dovute al subentro nelle loro vite dei nuovi compagni/e.

Proprio perché per i figli , che non sono attori ma spettatori di questa prima fase della loro vita, in cui traggono dai loro caregiver lo stimolo per crescere e per essere educati, è importante affidarsi a dei mediatori terzi, che possano accompagnare i genitori a fare delle scelte ponderate  e soprattutto possano tutelare  il bene supremo dei minori.

La Mediazione Familiare, serve proprio a condurre i genitori a ragionare e a comunicare tra di loro mettendo da parte gli egoismi e i conflitti dolorosi, evitando la manipolazione dei figli per vendette o ripicche. Piuttosto aiuta i genitori ad individuare il comportamento più idoneo per farli crescere serenamente e per rendere dinamiche , come quella della famiglia allargata, maggiormente comprese e accettate dai minori.

Un percorso, un controllo, una tutela, la Mediazione Familiare, ancor prima degli specialisti in ambiti psicologici e clinici, è il passo che precede qualunque forma di coinvolgimento dei figli nella vita strettamente personale dei genitori.

Prima di allargare la famiglia occorre allargare il buon senso e le proprie responsabilità.

Valeria Barbagallo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: