Dior, Capodanno cinese con la tela Jouy e le ortensie rosse


Maria Grazia Chiuri, direttore creativo della Christian Dior, celebra il Capodanno cinese reinterpretando il tessuto iconico della maison su borse, foulard e sneakers: la tela o canvas de Jouy che adornava il negozio Colifichets nel 1947, al 30 di Avenue Montaigne. Su questa tela iconica, diventata codice a firma di Dior, Chiuri ha inserito le ortensie rosse, evocazione della passione di monsieur Christian Dior per questa cromia che definiva “il colore della vita”. Un tributo, inoltre, alla passione di Dior per i fiori che considerava esseri divini come le donne.

È proprio nel sud della Francia che Christian Dior sceglie di acquistare la sua proprietà nel 1951: lo Château de la Colle Noire, situato a Montauroux, nella campagna di Grasse, una sublime dimora che domina le verdeggianti colline nel cuore dell’entroterra.
Ed è questa stessa dimora che la Maison Dior ha scelto di restaurare  per farne rivivere l’anima provenzale e coltivare i suoi fiori.

Impegnandosi a far rivivere lo Château de la Colle Noire riacquistato nel 2013, la Maison Dior fa rivivere la propria storia risvegliandone le radici, profondamente radicate nel Sud della Francia. Restaurata con pazienza e passione rigorosamente come l’originale, La Colle Noire è esattamente come la voleva il couturier. Raffinata e ospitale, traboccante di vita e di bellezza.

Dal parco al laghetto, lo Château de La Colle Noire rinasce sotto il sole provenzale. Cespugli di rose di maggio, vigne, ulivi, mandorli (alberi così cari a Monsieur Dior) sono stati ripiantati nel giardino del castello, accanto ai suoi fiori feticcio: mughetti e agapanti, tulipani, ortensie, violette e, soprattutto, la rosa di Grasse che regna sovrana nel cuore dei profumi Dior.

Sono state strette collaborazioni con produttori della regione per realizzare il sogno visionario di Monsieur Dior: fiori Dior per i profumi Dior.

Questo giardino ha ritrovato oggi tutta l’atmosfera provenzale, e profumato, in grado di esaltare lo spirito voluto da Christian Dior.

Simboli di grazia, gratitudine e abbondanza, queste ortensie rosse rinnovano inoltre lo spirito superstizioso del designer fondatore della maison. Per monsieur Dior, le ortensie erano simboli di grazia, gratitudine e prosperità, e per lui erano anche portafortuna. Dior non stava mai senza i suoi amuleti, alcuni dei quali erano fiori.

Giusi Lo Bianco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: