COME FARE DOMANDA AL DATORE DI LAVORO PER L’AGEVOLAZIONE “RIENTRO DEI CERVELLI “


Dottor Commercialista Guglielmino Marcello Santi Informa

COME FARE DOMANDA AL DATORE DI LAVORO PER L’AGEVOLAZIONE “RIENTRO DEI CERVELLI ”

Il docente o ricercatore (italiano o estero) che ha i  requisiti dettati dalla norma può ottenere l’ agevolazione. Naturalmente tale soggetto deve proseguire l’attività di  ricerca o  docenza in Italia.

Da questo punto di vista non vi sono differenze, il  datore di lavoro può essere  privato, oppure  pubblico.

In presenza delle suddette condizioni, i soggetti interessati  impatriati in Italia possono optare, in modo  irrevocabile, per il regime  Rientro dei Cervelli.

L’esercizio della domanda di agevolazione fiscale è  irrevocabile, ha effetto dall’annualità di acquisto della  residenza fiscale in Italia, e per i quattro anni successivi. L’agevolazione non consente di beneficiare degli  incentivi previsti dall’articolo 16 del DLgs n 147/15 (regime dei  Lavoratori Impatriati).

DOMANDA AL DATORE DI LAVORO

Per quanto riguarda l’ esercizio dell’opzione, i docenti e ricercatori devono presentare la richiesta al  datore di lavoro.

La richiesta si presenta attraverso una  domanda di agevolazione sotto forma di  autocertificazione.

La richiesta dovrà contenere:

• Le generalità del contribuente;

• Il codice fiscale;

• L’indicazione dell’attuale residenza in Italia;

• L’impegno a comunicare tempestivamente ogni variazione della residenza o del domicilio prima del decorso di 5 anni dalla data della prima fruizione del beneficio;

• La presenza dei requisiti richiesti dall’agevolazione (essere stato residente all’estero, essere in possesso di un titolo di studio universitario, attività di docenza o ricerca all’estero per 2 anni).

I docenti e ricercatori che non hanno richiesto l’applicazione dei benefici, o l’hanno richiesta a un diverso datore di lavoro devono dichiarare, in aggiunta a quanto sopra, di possedere i requisiti per accedere ai medesimi benefici. Inoltre, devono comunicare la  data della prima assunzione in Italia.

RICEZIONE DELLA DOMANDA DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO

I datori di lavoro ( sostituti di imposta) sono tenuti a presentare le  ritenute sul  10% delle somme e dei valori  imponibili IRPEF, di cui all’ articolo 51 del TUIR.

Si tratta dei compensi da lavoro dipendente corrisposti dal  periodo di pagasuccessivo al ricevimento della richiesta, o dal primo periodo di paga successivo all’acquisizione della  residenza fiscale italiana.

L’agevolazione viene applicata sino a comunicazione di interruzione, oppure sino alla  cessazione del rapporto di lavoro.

In ogni caso, il datore di lavoro, ogni anno è tenuto ad effettuare eventuale  conguaglio tra le ritenute effettuate e quelle dovute con l’agevolazione.

Il datore di lavoro non è tenuto ad applicare i benefici quando il lavoratore comunica il  trasferimento della residenza o del domicilio all’estero.

DOMANDA PRESENTATA IN RITARDO AL DATORE DI LAVORO

Un aspetto importante dell’agevolazione, spesso sottovalutato, è cosa accade se il docente o ricercatore  presenta in ritardo la domanda al  datore di lavoro.

Pensiamo ad un soggetto impatriato in Italia a febbraio, che acquista  residenza fiscale italiana nello stesso anno. Ipotizziamo che questo ricercatore abbia iniziato attività lavorativa a marzo dello stesso anno.

Tale soggetto, per dimenticanza, non presenta domanda di agevolazione al datore di lavoro, se non nell’anno successivo a quello di acquisto della  residenza fiscale.

In questo caso il datore di lavoro è tenuto ad applicare l’agevolazione, ma solo per l’anno in corso ed i successivi tre. Il primo anno, ove il ricercatore non ha fruito dell’agevolazione, non può essere recuperato.

L’agevolazione in commento, infatti, si applica dall’anno di acquisto della residenza fiscale e nei quattro successivi. Quindi, la non richiesta immediata dell’agevolazione comporta la perdita dei mesi non agevolati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: