AVESSI AVUTO, PRIMA


Rubrica UN MARE DI PAROLE

A cura di Roberta Mezzabarba

AVESSI AVUTO, PRIMA

Il vento sulle stecche della panchina,

vuota,

suona una melodia intessuta di rimpianti

e frantumi di attimi ormai passati,

mentre quella luce in lontananza,

effimero bagliore,

schernisce i miei “se” ed i miei “ma”

senza pietà.

Avessi avuto, prima, coscienza

del silenzio ingombrante

che avrebbe popolato le mie dita

forse,

avrei scelto una diversa via,

non so dirlo, ora.

Ma grazie a Dio,

e sorrido dicendo “ma”,

agli attimi passati non si comanda,

ormai non più.

Resta solo il ricordo sbiadito

di lucenti bugie mai dimenticate

a lustrar le stecche di una panchina,

dove non siederò mai più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: