Sifus Confali solidarietà ai 19 braccianti agricoli denunciati    


Solidarietà piena e incondizionata ai 19 braccianti agricoli denunciati in seguito alla manifestazione  del 2 agosto  sotto l’INPS di Catania. Venerdi  22 novembre ore 10.00, conferenza stampa presso la sede di via Santa Maddalena 38-40 in Catania dove racconteremo perchè la Questura farebbe   meglio   a   denunciare   gli   imprenditori senza scrupoli   titolari   di “aziende fini e se stesse” e l’INPS che non è in grado di tutelare i braccianti dalle truffe e i raggiri.

Diciannove braccianti agricoli sono stati denunciati  nei giorni scorsi poiché rei di aver preso parte della manifestazione sotto l’INPS di Catania organizzata dal Sifus Confali, il 2 agosto 2019. Con detta manifestazione, il Sifus Confali rivendicava il diritto dei braccianti veri ad essere riconosciuti come tali poiché le aziende  agricole in cui avevano prestato attività lavorativa, in seguito a controlli ispettivi avvenuti molto dopo la conclusione del rapporto  di lavoro, erano state definite “fantasma” e quindi avevano subito la cancellazione dagli appositi elenchi. In pratica, centinaia di “braccianti agricoli veri” della   zona etnea (Adrano, Biancavilla, Paternò, Santa Maria di Licodia), per palesi responsabilità oggettive delle aziende agricole che, evidentemente assumono molti più lavoratori di quelli che l’estensione territoriale e il tipo di coltivazione gli permette , molti dei quali fittiziamente, oltre il danno di essere ritenuti falsi, oggi, subiscono la beffa di essere denunciati con le conseguenze che ciò comporta.

Pertanto, questi braccianti veri, sol perchè le aziende agricole sono tecnicamente fasulle e l’INPS non è in grado di effettuare i controlli lungo i rapporti di lavoro, ma a distanza di tempo e addirittura di anni, vengono disconosciuti e perdono il diritto a percepire l’indennità di disoccupazione agricola e di avere accreditati i contributi previdenziali. Dopo aver subito un danno enorme di questo tipo ( non solo economico ma che lede la stessa dignità degli individui), cosa dovrebbero fare i braccianti veri, rimanere forse in silenzio?

La disoccupazione agricola e il riconoscimento dei contributi previdenziali per i “braccianti veri” non rappresentano certamente una vincita al “gratta e vinci” ma un diritto legittimo che non può essere negato per responsabilità delle aziende fantasma e dell’INPS che non è capace di tutelare i braccianti veri.

La questura di Catania anzichè denunciare i braccianti veri, farebbe bene a denunciare le aziende fantasma e sopratutto l’INPS che pur avendo gli strumenti, non è in grado di tutelare i braccianti agricoli dalle truffe e dai raggiri attivati da imprenditori senza scrupoli. SIFUS CONFALI esprime piena ed incondizionata solidarietà e sostegno ai 17 braccianti denunciati e ai 2 nostri dirigenti, Alfredo La Delfa e Tino Scarvaglieri.

mi.mi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: