Giuseppe Scianò AFA ricordando o sei milioni di persone uccise dai nazisti  


                                            Giuseppe Scianò presidente del Centro Studi “Andrea Finocchiaro Aprile” ricordiano i sei milioni di vittime della follia sanguinaria del Nazismo ». Settantacinque anni or sono – ed esattamente il 27 gennaio del 1945 – un’avanguardia motorizzata delle Forze Armate dell’Esercito Sovietico entrò nella cittadina di AUSCHWITZ e scoprì l’orrendo CAMPO DI STERMINIO, nel quale erano stati cinicamente assassinate diverse migliaia dei SEI MILIONI di vittime della follia nazista.

Nessuno poteva più far finta di niente. Neppure coloro che avevano saputo tutto sin dall’inizio della SHOAH, ma che avevano preferito non prenderne atto. Né opporsi. In questa dolorosa ricorrenza, il Centro Studi “Andrea Finocchiaro Aprile” rinnova il proprio impegno di lottare contro ogni forma di ANTISEMITISMO e contro ogni forma di discriminazione religiosa,

etnica, politica o ideologica. E contro ogni tipo di CONGIURE DEL SILENZIO.

Rinnova, altresì, l‘impegno di ricercare le responsabilità e le complicità che, a suo tempo, avevano consentito ad HITLER ed ai suoi collaboratori di “DEPORTARE” da tutta l’Europa ed anche dall’Asia milioni di EBREI, strappandoli dalle rispettive realtà e dalle proprie abitazioni, senza che nessuno – tranne le pochissime, lodevoli eccezioni –

alzasse un dito. Analoghe ricerche dovrebbero essere accuratamente svolte per acclarare perché mai neppure una delle tante Forze antifasciste ed antinaziste, che combattevano ovunque, più o meno ufficialmente, abbia “BLOCCATO” i TRENI che viaggiavano lentamente e stracarichi di prigionieri ebrei, compresi invalidi, vecchi, donne e bambini. O come mai non siano state quantomeno SABOTATE le strade ferrate “da” e “per” la Germania nazista. Sarebbe utile saperlo anche perché – checché se ne dica – ancora

oggi l’ANTISEMITISMO costituisce un pericolo maggiore di quanto non si voglia ammettere. E di quanto non dica la “TESTA DEL MAIALE” della quale tanto e giustamente si è parlato in questi giorni.

mi mi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: