SCUDO LEVATO


Rubrica UN MARE DI PAROLE

a cura di Roberta Mezzabarba

SCUDO LEVATO

Ricordassi

quando, come e perché

ho smesso

i pizzi e le trine

per indossare una lucente armatura,

mi sovverrebbero pure i palpiti di cuore

che dava la fiducia  più cieca

in coloro

che avrebbe dovuto pararsi

fra me

ed il resto del mondo.

Conosco

una per una

tutte le ammaccature

sul lucente metallo

ed i lividi cangianti sulla mia pelle.

Col tempo ho compreso

innumerevoli inganni,

ed oramai non so più che farmene

di millantati difensori

utili solo, approfittandone

ad dar colore alle mie debolezze.

Scudo levato,

grido di guerra a gonfiar il petto:

basto a me stessa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: