STORIE DI IMPRENDITORI SICILIANI.


FIORELLERIA MIRABELLA : UNA MISSIONE D’AMORE.

“È una missione d’amore per la città di Catania”- afferma Michele Mirabella, uno dei sette figli di Nino, che porta avanti assieme ai fratelli  l’impresa di famiglia giunta in terza generazione dal 1951.

“Il Mio progetto – continua- è quello di mettere a disposizione della città un servizio floreale alla portata di tutti, grazie anche al distributore automatico di fiori, il primo a Catania, con erogazione h24 di composizioni di fiori a prezzi contenuti. All’inizio credevo fosse quasi irrealizzabile, anche perché il primo in Sicilia, precisamente a Siracusa, non ebbe successo e invece a noi continua a darci grandi soddisfazioni al punto di voler ampliare il servizio aggiungendo un altro distributore per i fiori in scatola”.

Di certo una missione ambiziosa, come quella di voler introdurre nel linguaggio italiano la parola “Fiorelleria”.  Infatti è in corso l’interpello all’Accademia della Crusca per dare un’identità ben definita a questo tipo di attività commerciale.

Michele ci racconta da dove tutto ebbe inizio.

Il nonno, il Cavaliere Ignazio Mirabella, insignito Cavaliere del lavoro tra il 1979/80, era un appassionato di giardinaggio, un vero pollice verde, e per tirare avanti negli anni 50 si adoperò con la vendita di piante che raccoglieva nella zona della timpa di Acireale e di fiori che coltivava nel suo giardino privato. Il suo posto fisso era il marciapiede del corso Italia quasi ad angolo con il Viale Vittorio Veneto. La sua attività da ambulante divenne sempre più proficua e decise di fare richiesta al Comune per la concessione del suolo pubblico proprio nel punto dove ogni giorno si piazzava. Nel 1951 realizzò l’attuale chiosco di fiori e successivamente riuscì ad aprire un grande punto vendita a quattro luci in via Renato Imbriani. La fortuna sembrava proprio andargli incontro. Passò poco e il suo intuito imprenditoriale lo portò ad arricchirsi con la coltura e vendita delle Kenzie, importando i semi dall’Australia. La sua attività andò oltre la Sicilia e,  poco dopo, oltre l’Italia. Il conosciutissimo vivaista Nerino Faro gli diede l’appellativo di “Re delle kenzie”.

Negli anni ‘90 , con la guerra del Golfo la crisi colpì anche questo settore e a causa dell’embargo, vi fu un calo delle vendite di Kenzie. Il declino degli affari condusse la famiglia Mirabella a chiudere prima il Vivaio poi la bottega di via Renato Imbriani. Il figlio Nino succeduto al padre, riuscì a proseguire l’attività di famiglia, nonostante le numerose difficoltà del periodo. Al cambio generazionale i suoi figli si trovarono dinanzi al bivio se continuare o meno. La decisione unanime fu quella di risollevare il chiosco di fiori e lanciare un messaggio importante alla città.

Oggi grazie all’operosità e all’estro artistico di Giovanna, alla lungimiranza di Michele e al supporto di tutti i fratelli, il messaggio è arrivato. Occorre non arrendersi e piuttosto reinventarsi e adeguarsi alle richieste mutevoli dei clienti.

Dopo aver fatto i conti con le peripezie burocratiche, sono riusciti ad ingrandire il chiosco prima da 6 a 8  mq fino agli odierni 11,88 mq, con la prospettiva di un secondo distributore automatico per soddisfare i bisogni di una società improntata alla velocità e alla mancanza di tempo.

In corso Italia è una delle poche realtà commerciali che hanno resistito alle bufere di mercato. Molte botteghe hanno cambiato veste, nomi, attività in questi 69 anni e la famiglia Mirabella è testimone delle evoluzioni e involuzioni dell’economia catanese, dal boom economico a “Mani Pulite”, alla crisi dell’euro, ad oggi.

Valeria Barbagallo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: