ACIREALE ACCOGLIE LA PANCHINA IPERREALISTA E INTERATTIVA DI LUCIO DALLA, OPERA DEL MAESTRO C. SUSINNI.È SUBITO CORSA AI SELFIE.


Lo scorso 22 febbraio ad Acireale nell’androne del Palazzo di Città è stata svelata la panchina in bronzo di Lucio Dalla, realizzata dal Maestro Carmine Susinni. L’ opera è stata concepita in chiave moderna, una cornice tra passato e futuro, proiettando l’arte nell’era virtuale dei social. Una panchina interattiva che sembra voler accogliere e dialogare con chi si siede accanto. Dopo aver toccato città italiane importanti, come Milano , Sanremo, Bologna, Matera, capitale della Cultura 2019 da dove è reduce, è giunta d Acireale, luogo in cui Susinni ha conosciuto di persona Lucio Dalla. Il cantautore pur avendo dimora a Milo era solito passeggiare per le vie di Acireale e soffermarsi nei locali del centro.

Acireale ha accolto l’opera dello scultore mascalese proprio nel periodo a ridosso dell’ottavo anniversario della sua scomparsa. Infatti, domenica 1 Marzo, di sera in piazza Duomo gli è stato dedicato un tributo musicale, ripercorrendo tutta la sua  carriera artistica. La spettacolare esibizione della tribute band a lui ispirata,  DallAltroMondo ha intrattenuto la piazza gremita, riuscendo a coinvolgere attivamente il pubblico tra luci, suoni d effetti speciali. Erano presenti proprio tutti: Sindaco, onorevoli, assessori, consiglieri, sacerdoti , dirigenti, imprenditori, operai, pensionati, disoccupati, giovani coppie e bambini. Una musica davvero senza tempo che unisce tutti.

L’installazione realizzata in circa un anno dal maestro nel 2014 ha trovato la sua prima collocazione all’Expo di Milano 2015, in coincidenza con l’anno “0” di una nuova epoca, improntata alla socializzazione virtuale. Infatti, è proprio l’anno in cui il 51% della popolazione mondiale ha raggiunto la connessione alla rete web.

La panchina iperrealista si presta molto ai selfie con il grande cantautore, e questa caratteristica le ha consentito di essere stata immortalata in oltre tre milioni di selfie durante l’Expo.

È stata molto apprezzata da Vittori Sgarbi, che ne ha elogiato le tecniche artistiche, la versatilità, e per l’aver rispecchiato alcune peculiarità di Lucio, come la  generosità rappresentata dal sacchetto di ceci tostati rivolto verso l’esterno, la cordialità dal gesto di accoglienza e di invito a sedersi accanto, l’interattività grazie ai suoi occhi che sembrano esprimere un linguaggio non verbale.

Non a caso è stato proprio Sgarbi ad inserirlo nel decumano dell’Expo, ne “Il Tesoro d’Italia”, considerandolo un gioiello di “Street art per il rito dei selfie interattivi e happening, con il soggetto iperrealista in forma pop art, che stimola  le performance mediante video e foto , nel teatro della Cornice del grande fratello social”.

Oltre ventiduemila persone hanno visto, apprezzato, fotografato la scultura e oltre ai passanti molti Vips hanno ricordato l’amico Lucio sedendosi accanto per un selfie ricordo.

Valeria Barbagallo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: