STORIE DI IMPRENDITORI SICILIANI ORAZIO GRAVAGNA: LA GENIALITÀ E LA SCOMMESSA ARRIVA AL GUINNESS WORLD RECORD.


È una storia di circa quarant’anni di sacrifici e di grande intuito che oggi ha posizionato l’impresa familiare di Orazio Gravagna tra i leader catanesi del settore pasticceria, gelateria e tavola calda. Il  5 ottobre del 2019 ha vinto il Guinnes World Record per l’Arancino più grande del Mondo. L’evento sponsorizzato da Metro e svoltosi nel centro storico di Catania, in piazza Università, dinanzi alle Istituzioni e ai cittadini, è stato il suggellamento di una vittoria che per primo Orazio ha realizzato su se stesso e poi inevitabilmente dedicata al padre Francesco e alla sua famiglia.

Oggi la ditta “Stella del gelato” di Orazio Gravagna conta numerosi dipendenti, ed è piazzata in diverse scuole di Catania come servizio colazione e tavola calda, è nella grande distribuzione all’Ipercoop dei paesi etnei ed inoltre fornisce in conto terzi molti bar senza laboratorio di Catania e hinterland. La sua ambizione lo ha spinto a muoversi anche oltre la Sicilia, somministrando gelato, granite, brioche e arancini in alcuni bar di Roma e Milano. Grazie ad un accordo con Imperatore Travel World, molti turisti hanno la possibilità di degustare i famosi arancini siciliani del campione mondiale. In cantiere il progetto di partecipazione alle fiere enogastronomiche più importanti d’Italia.

Ecco da dove è partito tutto. Il racconto di Francesco Gravagna.

“Tutto è iniziato circa quarant’anni fa – racconta Francesco, papà di Orazio- nel chiosco del quartiere di Monte Po, che gestivo con mio fratello Piero. Un giorno mi misi ad osservare il gelataio ambulante che passava con il carretto nel quartiere e capii che guadagnava in poche ore più di quanto guadagnassi io dalle 5:00 del mattino fino alle 21:00 di sera. Feci una indagine di mercato e decisi di comprare un’ape, che ancora tengo conservata come ricordo e con la quale inaugurai l’inserimento nella grande distribuzione di Auchan con la scritta Gelatiamo. Erano gli anni ‘82/83 e in un piccolo laboratorio vicino al chiosco iniziai a produrre gelato e venderlo nei quartieri. Comprai i giri dai gelatai anziani che andando in pensione cedevano i loro percorsi. Allora si facevano delle scritture private perché ogni gelataio aveva la sua zona e i suoi clienti. Arrivai a comprare 32 giri e nel tempo oltre al chiosco aprii sempre con mio fratello, una piccola gelateria e l’attuale pasticceria Star Ice Cream, esattamente nel 2000. Il nome in inglese derivò dal fatto che allora servivamo Sigonella e soprattutto le navi da guerra situate ad Augusta. Avevamo molti clienti americani. Le cose andavano molto bene fino a quando non crebbero i nostri figli. Iniziarono i primi litigi, per via della mancanza di volontà di mio figlio Orazio e di suo cugino di lavorare adeguatamente e con sacrificio. Da qui la decisione presa in accordo con Piero di dividerci per evitare screzi in famiglia e per dare un futuro ai propri figli. Allora, lo ricordo ancora come fosse ieri, salii qui a Monte Palma, proprio dove ci troviamo adesso in via bari, non c’era nulla era tutto cemento alla stato rudimentale senza impianto elettrico e senza pavimentazione. Piazzai un tavolo e quattro sedie da campeggio di colore verde che conservo ancora, mi sedetti e dissi: << da qui voglio ricominciare tutto>>. E fu così, era il 2007! Ebbi anche la fortuna di incontrare persone che hanno creduto in me. Infatti, grazie alla fiducia delle banche che mi consentirono di ristrutturare a norma il laboratorio e all’amico Giacomo Sessa della SaCar Forni che mi diede la possibilità di acquistare le costosissime attrezzature a rate, anche perché conosceva la mia serietà e puntualità nei pagamenti, ebbe inizio l’attività con il nome “Stella del Gelato”, per continuare una tradizione partita da me, traducendo in italiano il marchio della precedente pasticceria. Per non interferire con mio fratello, mi occupai della grande distribuzione e continuai con i giri dei furgoncini di gelato, che avevamo diviso per metà. Oggi sono 15 i furgoncini che girano col nostro marchio, anche in comodato d’uso e altri due furgoni li ho destinati per la fornitura dei prodotti ai nostri clienti”.

Il cambio generazionale. L’assenza del padre e la svolta.

Francesco rappresenta l’imprenditore catanese dalla genialità e intuito di chi riesce a capire l’affare, studiando i bisogni del mercato. Del resto la sua gavetta, iniziata a soli 12 anni in un laboratorio, partendo dai lavori più umili, lo ha formato non solo come lavoratore ma anche come persona nei rapporti umani. I suoi valori sono quelli che ha trasmesso ai suoi figli, e Orazio sebbene da ragazzino non avesse fatto l’iter del padre, e fosse più impegnato con la scuola, con lo sport e preferisse le uscite con gli amici, come del resto tutti i giovani, oggi ha dimostrato di essere capace di portare avanti con modernità e lungimiranza l’azienda familiare.

Nel suo caso il cambio generazionale è avvenuto rapidamente. L’assenza del padre per un lungo periodo ha giocato un ruolo fondamentale. L’impresa doveva continuare, erano in gioco posti di lavoro, creditori, fornitori, il pane quotidiano.

Orazio è dovuto crescere in fretta. Ha preso le redini dell’azienda e ha continuato non solo a mantenere quanto di buono costruito, ma è riuscito anche ad ingrandirsi e ad inserirsi nei vari circuiti di settore, persino fuori dalla Sicilia.

Negli anni dell’assenza di Francesco, Orazio ha capito quanto siano stati preziosi quegli insegnamenti del padre, quando nel 2007 gli disse di iniziare non dall’ufficio, da diplomato, ma dal basso, come fece lui con le mani in pasta, a capire in cosa consisteva il lavoro, perché solo così poteva  gestire i dipendenti e correggerli negli errori.

Oggi padre e figlio sono orgogliosi l’uno dell’altro, per aver portato in alto il nome dell’’impresa familiare e per aver superato tutte le avversità nel loro cammino.

Valeria Barbagallo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: