SCIANO’: « IL 24 MAGGIO DEL 2020 RICORREVA IL 105° ANNIVERSARIO DELL’ENTRATA DEL REGNO D’ITALIA NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ». *   *   * LA SICILIA SUBI’ – IN QUELLA GUERRA – IL PIU’ ALTO NUMERO DI SOLDATI “CADUTI”, PUR ESSENDO, RISPETTO ALLE ALTRE REGIONI, LA PIU’ LONTANA DAL “FRONTE” DEI COMBATTIMENTI. FU SOLTANTO UNA COINCIDENZA?                


KUMUNIKAZZIONI  –  COMUNICAZIONE

Nella ricorrenza del 105° Anniversario dell’entrata dell’ITALIA nella PRIMA GUERRA MONDIALE (24 MAGGIO 1915 – 4 NOVEMBRE 1918), gli Indipendentisti del Centro Studi “Andrea Finocchiaro Aprile” chiedono Verità e Giustizia sulla “STRANEZZA”  del fatto che la SICILIA ebbe, – in  assoluto ed in percentuale, – il più alto numero di“CADUTI” (ben 65.000), pur essendo la Regione geograficamente più lontana dalle operazioni militari e dai combattimenti.

Va aggiunto che, nella tragica classifica dei morti, la Sicilia viene seguita dalla Sardegna e dalle Regioni che avevano costituito la parte continentale del soppresso REGNO DELLE DUE SICILIE.

La cultura ufficiale deve dare, in merito, risposte precise e documentate. Tantoppiù che i più grandi “VANTAGGI” di quella guerra li ebbero le INDUSTRIE del NORD-ITALIA, che moltiplicarono in modo incredibile le loro produzioni ed i loro guadagni.

E’ doverosa, tuttavia, una puntualizzazione. Noi, Indipendentisti del Centro Studi “Andrea Finocchiaro Aprile” siamo orgogliosi del valore, non disgiunto da umanità, che i NOSTRI SOLDATI hanno dimostrato sia nella Prima Guerra Mondiale, sia in tutte le altre Guerre che, anche se non condivise, sono stati chiamati a combattere, dopo l’annessione,  per conto dello Stato italiano. Siamo altrettanto orgogliosi dei Soldati Siciliani e Meridionali che “oggi” (anche questa volta più numerosi di gran lunga rispetto a quelli di altre Regioni e ne conosciamo i motivi …..) partecipano alle missioni umanitarie e alle missioni di Pace in diverse parti del Mondo. O che, comunque, con identico spirito, sono in servizio nelle Forze Armate Italiane, alle quali è  dedicata la ricorrenza del 4 NOVEMBRE (Vittoria di VITTORIO VENETO) di ogni anno. Ognuno di loro, infatti, mantiene comunque la propria identità e quei principi di Civiltà e di Umanità che sono specifici, rispettivamente, del Popolo Siciliano, del Popolo Sardo e dei Popoli tutti della parte continentale dell’Ex Regno delle Due Sicilie.

*   *   *

Ci sia consentito, infine, di ricordare a noi stessi che il rispetto dei Diritti, soprattutto il rispetto dei Diritti Fondamentali, non si implora, né se ne delega ad altri l’applicazione.  A maggior ragione, tale rispetto non si può “delegare” a quanti hanno l’interesse di soffocare quei Diritti e tutti gli altri …..

E’ un “rispetto” che si deve pretendere e conquistare, con metodi democratici e non violenti. Ma con coraggio, con determinazione, con continuità e con consapevolezza. E certamente anche nell’ambito di un progetto più ampio di riscatto e di rinascita.

ONORE E “MEMORIA” AI NOSTRI CADUTI!

ONORE E “MEMORIA” A TUTTI I CADUTI!

A N T U D U !

Palermu, 3 Giugnu (Giugno) 2020

                                                                                      IL PRESIDENTE DEL CENTRO STUDI

“ANDREA FINOCCHIARO APRILE”

(GIUSEPPE SCIANO’)

IL VICE PRESIDENTE

ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE

(GIACOMO GIBELLINA)

SÍ ALLA SICILIA!                                                                                                                  NO ALLA MAFIA!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: