INCENDI IN SICILIA


Sicilia devastata dagli incendi, frutto delle mancate riforme del comparto forestale 

GROSSO: «Gli incendi sono il risultato della miopia dei governi regionali, a partire dal governo Musumeci, che manifestano incapacità di agire nei boschi con una seria programmazione. Per ridurne il rischio bisogna creare riforme che consentano ai lavoratori forestali di lavorare tutti i giorni dell’anno»

Catania, 1 settembre 2020. «Altro che piromani, per ridurre il rischio incendi bisogna lavorare nei boschi e nel territorio tutto l’anno attraverso la stabilizzazione dei forestali. Il resto sono chiacchiere fini a se stesse», afferma Maurizio Grosso, segretario generale Sifus Confali, che analizza la situazione drammatica in Sicilia. «I piromani, contro cui il governo Conte dovrebbe inasprire le pene, rappresentano certamente, i soggetti su cui ricade la responsabilità oggettiva degli incendi che stanno devastando il territorio siciliano ed il Sud, ma deve essere chiaro che è la miopia dei governi regionali, a partire dal governo Musumeci, che manifestano incapacità di agire nei boschi attraverso una seria programmazione degli interventi di manutenzione preventiva rendendoli di fatto, nella stagione estiva,vere e proprie polveriere».

«E’ ridicolo – prosegue il segretario generale Sifus Confali – che in un quadro così drammatico, il presidente Musumeci se la prenda, oltre che con i piromani, financo “con una sparuta parte di forestali” invece prendersela con il suo stesso governo che è intervenuto nei boschi senza un barlume di programmazione, con un corpo forestale a personale ridotto e privo di mezzi idonei e sopratutto, mentre i boschi bruciano, tiene parte significativa dei forestali a casa. Quando dichiarato dal presidente Musumeci è ancora più ridicolo se si tiene conto che a quasi 3 anni dal suo insediamento, non è stato in grado di metterci a conoscenza della sua proposta di riforma del comparto forestale. Se in Sicilia, come nel resto d’Italia (Veneto, Campania, ecc.), si vogliono ridurre al minimo i rischi di incendi boschivi e soprattutto, si vuole mettere in sicurezza il territorio dal dissesto idrogeologico, bisogna essere intelligenti: mettere in piedi riforme che consentano ai lavoratori forestali di lavorare tutti i giorni dell’anno» conclude Grosso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: