Dai piatti tipici ai riti scaramantici: le tradizioni del Capodanno


Il 2021 è giunto alla fine. Nella notte tra il 31 dicembre e l’1 gennaio si saluta l’anno appena trascorso per accoglierne uno nuovo. Insieme ad amici e familiari, si passa un momento di festa, pronti per il conto alla rovescia con i bicchieri in mano per brindare.

Passate le feste di Natale, ci si prepara a festeggiare il Capodanno con altre tradizioni tipiche di ciascun territorio. In Sicilia, ogni famiglia celebra a modo proprio questa festività, ricorrendo alle classiche usanze territoriali e riti scaramantici che non riguardano solo il cibo.

I preparativi per il Capodanno iniziano già dalla mattina, cucinando piatti da servire a tavola per la cena e il pranzo del primo gennaio. Il via inizia con gli immancabili antipasti fritti da stuzzicare, come lo sfincione, soffice impasto di riso, simile alla zeppola.

Successivamente, si passa alle portate di carne o pesce, seguiti dall’insalata di arance e dalle lenticchie, considerati di buon auspicio. Immancabili, per concludere cena e pranzo, i dolci con panettoni e pandori, pasticceria mignon e paste di mandorla.

Le usanze non si limitano solo al cibo. Esistono anche dei riti scaramantici che celebrano la mezzanotte. Uno tra i riti più famosi è quello di mangiare 12 chicchi di uva, uno ad ogni suono dell’orologio: chi riesce a mangiarli tutti e dodici a ritmo, avrà un anno pieno di fortuna e prosperità.

All’uva si aggiungono anche le lenticchie, preparate per la cena e il pranzo, portatrici di soldi e fortuna.  C’è anche chi rompe i piatti o i bicchieri vecchi, per scacciare il male e sfortuna accumulati durante l’anno. Lo stesso rito vale per il vischio: si appendono dei rametti sulle porte della propria abitazione per portare pace e serenità.

Per chi, invece, è ancora alla ricerca del vero amore, la tradizione vuole che si apra e si mangi un melograno, come fece Proserpina secondo il mito greco. Fra le altre scaramanzie, secondo un rito cinese e romano, si indossa della biancheria intima rossa come segno di buon auspicio.

Giulia Manciagli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: